Via Passalacqua 10, Torino
+39 335 7991971
josep.ejarque@ftourism.it

Promuovere la destinazione con successo

Promuovere la destinazione con successo


Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.ftourism.it/home/wp-includes/media.php on line 785

Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.ftourism.it/home/wp-includes/media.php on line 787

Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.ftourism.it/home/wp-includes/media.php on line 790

Notice: Undefined offset: 1 in /web/htdocs/www.ftourism.it/home/wp-includes/media.php on line 71
Digital-Marketing

I tempi in cui per promuovere una destinazione era necessario partecipare a fiere e organizzare famtrip per giornalisti e tour operator sono ormai passati. Le campagne pubblicitarie nelle riviste, nei quotidiani o in radio sono ormai superate. In questi casi per fare promozione era anche necessario avere un certo budget e dedicare delle risorse economiche a queste attività. Per questo motivo, molte piccole e medie destinazioni non riuscivano a fare promozione, vedendo la loro capacità limitata. Il forte sviluppo di internet però apre importanti opportunità per tutte le destinazioni, in particolare per quelle più attive nei social e nel digital. Ormai la dimensione e la capacità economica non sono più fattori determinanti. Fondamentalmente è necessario avere due elementi: prodotto e azione.

Partiamo dal presupposto che oggi la fedeltà dei turisti è sparita. La maggior parte di essi non sceglierà la destinazione per quello che dice di essere o semplicemente per la sua notorietà. Il turista oggi decide a partire dal fatto che la destinazione abbia o meno le proposte che gli interessano. Cioè che abbia un prodotto-destinazione che corrisponda alle sue preferenze o ai suoi bisogni.

Gli strumenti per la destinazione

La maggior parte dei viaggiatori si avventura in destinazioni che non ha mai visitato prima. Il 53% dei turisti leisure afferma di aver scelto una destinazione perché desidera visitare nuovi luoghi. Solo il 18% ha in programma di visitare nuovamente i luoghi in cui è già stato. Ciò rappresenta l’opportunità per le destinazioni di essere utili agli occhi dei potenziali turisti. Ma solo se riusciranno a offrire proposte e prodotti in una determinata area o attingere alla conoscenza locale per richiamare la loro attenzione.

Pertanto, le destinazioni turistiche devono avere necessariamente due strumenti in mano: il portale web e i canali social. I social servono per catturare l’attenzione, per incuriosire chi riceve direttamente o indirettamente un post, un’immagine o un filmato. Ma devono poi servire per convogliare traffico al sito web della destinazione, ovvero il luogo in cui sedurre e informare, per portarlo all’autoconvincimento.

Dimentichiamoci che i turisti cercano una destinazione su Internet! L’85 dei turisti quando inizia a cercare informazione per le proprie vacanze non ha alcuna idea chiara in testa. Pertanto, una piccola o media destinazione ha le stesse possibilità di attirare questo potenziale turista rispetto ad una grande e rinomata.

Ecco alcuni suggerimenti per la vostra piccola/media destinazione su come fare promozione e marketing.

# Datevi una strategia

  • Riflettete sull’obiettivo (più arrivi, migliori tipologie di turisti, ecc.)
  • Guardate la destinazione dalla prospettiva del turista (il turista non vede né percepisce il vostro territorio come voi)
  • Decidete quali sono i prodotti turistici del vostro territorio (ovviamente in logica di mercato)
  • Inserite contenuti seducenti sul sito web della destinazione (contenuti enciclopedici e noiosi sono da escludere)
  • Decidete quali tipi di turisti volete

La creazione di un piano di marketing turistico è fondamentale ed importante per la promozione e il marketing su Internet. Senza un piano in atto, avrete delle difficoltà a raggiungere gli obiettivi e a tenere traccia di ciò che si fa. Ma rischierete anche di perdervi se non avete chiaro quali sono i mercati e i segmenti che vi interessano.

# Concentrate il marketing per tipologia di viaggiatore

Una delle questioni più importanti per qualsiasi azione di promozione turistica è sapere a chi si vuole arrivare. Se non si focalizza l’approccio, gli sforzi andranno persi nell’aria e non si riuscirà ad emergere tra i branchi di concorrenti.

Non potete pensare che tutti i turisti siano uguali. I Millennials sono diversi dalle famiglie; le coppie e i senior hanno caratteristiche e bisogni diversi. Volenti o nolenti, dovete pensare un messaggio specifico per ogni target. Ad esempio, se si desiderano attirare delle coppie, allora sono da scegliere come target le donne (magari quelle che su Facebook dicono di essere fidanzate). Potete iniziare a mettere in evidenza per loro che la destinazione è ottimale per una vacanza o un weekend di coppia.

# Mostrate ciò che rende unica o speciale la destinazione sui social media

Ogni destinazione ha qualcosa di particolare o speciale: una vista straordinaria, l’ambiente, lo stile di vita, o anche il modo unico di fare qualcosa. L’importante è mostrare, dire, raccontare, suggerire.

È essenziale non pensare con la vostra testa! Tentate di vedere la destinazione, le sue attrattive e le sue proposte come esperienze che i turisti potranno avere.

# Usate delle sfide per suscitare interesse verso la destinazione

Le sfide sono molto amate su Internet. Gli utenti prestano attenzione alle challenge del tipo: “Qualcuno sa dove si trova…?” Oggi, promuovere una destinazione implica creare interesse, e, per farlo nello storytelling, le domande, le sfide, ecc. hanno un buon risultato. Create quindi una sfida divertente legata a una nicchia di mercato (amanti del bike, del vino, ecc.). Così grazie ai social saranno proprio gli utenti a spargere la voce sulla vostra destinazione via email, social media, ecc.

# Create una guida personalizzata delle esperienze

Le brochure e le mappe vanno bene quando i turisti sono già nella destinazione, ma qui si tratta di attirarli. Pertanto, il marketing turistico deve essere focalizzato sui loro desideri e bisogni. Che cosa c’è di meglio che suggerire e mostrare quello che si può fare e le esperienze che ci sono nella destinazione? Includete molte idee su cose da fare e luoghi da vedere, così come tutte le altre informazioni che siano importanti da conoscere sulla destinazione. Non dimenticate i consigli super segreti, “solo i locali lo sanno…”, delle cicche, ecc.

La maggior parte dei turisti vuole sapere, capire e conoscere la destinazione come un locale. Pertanto una guida divertente e istruttiva è qualcosa che considereranno estremamente prezioso. La logica, ad esempio, è quella delle “10 esperienze da vivere se sei un biker”.

# Evidenziate le novità (e se non lo sono, non importa)

Uno dei modi migliori per differenziare un messaggio da quello delle destinazioni concorrenti è quello di evidenziare le cose nuove ed eccitanti. È importante mantenere i visitatori informati su eventi importanti e manifestazioni uniche.

Ma non sempre ci sono delle novità. E allora? Basta raccontare quello che c’è già, ma mettendosi nei loro panni e mostrare le cose che sembrerebbero interessanti, divertenti ed eccitanti se non avessero mai provato prima la esperienza.

# Raccogliete contenuti generati dagli utenti e promuoverli (UGC)

Online si trovano tonnellate di fantastici contenuti generati dagli utenti. Le persone adorano raccontare e postare le immagini, i filmati e le foto delle vacanze quando visitano la destinazione. La fiducia generata da una recensione positiva o da una foto sarà talmente influente da aiutare altri potenziali turisti a decidere di conoscere la destinazione. Le persone acquistano e decidono a partire del gradimento di altri perché ciò genera in loro fiducia!

Non c’è bisogno di troppo sforzo per trovare contenuti generati dagli utenti. Si possono usare strumenti come Social Mention per trovarli. Se qualcuno condivide una foto su Instagram, ad esempio, gli si può chiedere l’autorizzazione e condividerla sui canali social della destinazione.

# Create video di destinazione

Il mondo online si sta muovendo verso i video. È tempo di salire sul carro! I video trasmettono un’enorme quantità di informazioni in pochissimo tempo, quindi sono un ottimo modo per mostrare cosa c’è e cosa si fa nella destinazione. Non è necessario fare dei costosi filmati. Bastano brevi video (stories) che mostrino persone, cose da fare, consigli utili, fatti divertenti e segreti riservati alla gente del posto. Questi video vanno anche condivisi sul sito web e sui social media (social wall). Va considerato anche che Facebook sta promuovendo fortemente i video e fornendo loro una maggiore esposizione nel feed di notizie degli utenti.